Mongolia, L’ambiente alieno sul lago Baotou

L ‘ innovazione (i  nuovi smartphone, l ‘elettronica di consumo e le tecnologie  innovative talvolta chiamate “verdi”) viaggia  sempre in compagnia di una serie di impatti negativi che affliggono l’ecosistema. Barry Commoner in una delle sue quattro leggi dell’ecologia enunciava: non ci sono pasti gratis,  se sfrutti la natura prima o poi devi  pagare il dazio.

In una regione della Cina, la  Mongolia Interna, si è formato un lago artificiale con i fanghi tossici (radioattivi) provenienti da scarti della lavorazione di prodotti hi-tech. “Lungo il litorale ci sono decine di tubi, che sfornano un torrente di rifiuti chimici spessi e neri dalle raffinerie che circondano il lago. L’odore di zolfo e il rombo dei tubi invade i  sensi. Ci si sente in un inferno sulla Terra“, scrive Tim Maughan.

Benvenuti a Baotou, la più grande città industriale nella Mongolia Interna.  Si tratta di uno dei maggiori fornitori al mondo di minerali “terre rare”. Questi elementi possono essere trovati in tutto, dai magneti nelle turbine eoliche e motori per auto elettriche, le budella elettroniche di smartphone e televisori a schermo piatto. Nel 2009 la Cina ha prodotto il 95% della fornitura mondiale di questi elementi , e si stima che le miniere Bayan Obo appena a nord di Baotou contengono il 70% delle riserve mondiali.

Reportage come quello di Tim Maughan sul sito della BBC

 

698 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *