Acqua. Bottiglia o rubinetto?

 

Nello scegliere di acquistare  una bottiglia di acqua o riempire una bottiglia in vetro con acqua dal rubinetto, dobbiamo comparare tutte le fasi del loro ciclo di vita. Per  l’acqua presa dal  rubinetto, va tenuto presente  la costruzione del contenitore e la gestione dell’acquedotto, dei sistemi di captazione, trattamento e distribuzione. Per l’acqua in bottiglia il discorso è più ampio, ci sono le attività di  prelievo, trattamento controllo qualità, imbottigliamento, tutti i trasporti correlati dal prelievo dell’acqua alla distribuzione del prodotto finito, poi  dobbiamo aggiungere l’energia e le risorse impiegate per produrre le bottiglie, per lo più di plastica, e ricordiamo che la plastica è ottenuta da materie prime non rinnovabili. Il consumatore acquista la bottiglia e la trasporta ancora, dal punto vendita a casa. A fine vita la bottiglia  se non è riciclata finisce in discarica. Utilizzando metodi come il  Life Cycle Assessment per calcolare l’impatto ambientale dei due sistemi per ottenere acqua, si ottiene come risultato che l’acqua del rubinetto ha un impatto ambientale più basso dell’acqua imbottigliata, inoltre è controllata 4 volte più frequentemente,  e  il contenuto di sali e altre sostanze è adeguato alle nostre necessità di salute. Da uno studio condotto sugli acquedotti pubblici di alcune grandi città Italiane, nella maggior parte dei casi l’acqua è risultata di ottima qualità. La  ricerca ha posto in evidenza la   convenienza economica, ossia una  famiglia che beve acqua dal rubinetto può  risparmiare in un anno  circa 500 euro.

2,904 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *