Archivio mensile:aprile 2015

Mongolia, L’ambiente alieno sul lago Baotou

L ‘ innovazione (i  nuovi smartphone, l ‘elettronica di consumo e le tecnologie  innovative talvolta chiamate “verdi”) viaggia  sempre in compagnia di una serie di impatti negativi che affliggono l’ecosistema. Barry Commoner in una delle sue quattro leggi dell’ecologia enunciava: non ci sono pasti gratis,  se sfrutti la natura prima o poi devi  pagare il dazio.

Continua a leggere

723 Visite totali, nessuna visita odierna

Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose.

Se c’è una parola sulla bocca di tutti in questo periodo, questa è certamente “Crisi”. La crisi economica, la crisi dell’occupazione, la crisi della famiglia, la crisi dei valori, la crisi politica, ecc. La parola ‘crisi’ viene dal greco krisis, sostantivo dal verbo Krino ed ha come significato principale quello di ‘separazione’, ‘scelta’, ‘giudizio’. Ogni momento ‘critico’ è collegato con una decisione, con una svolta, una scelta operata separando una conseguenza da un’altra. La crisi allora pur essendo sempre associata alle difficoltà, può diventare anche una vera e propria opportunità. Continua a leggere

218 Visite totali, nessuna visita odierna

La rana che bolle

Una rana scivola nel calderone, l’acqua ha una temperatura perfetta, non troppo calda, né troppo fredda. Mentre l’acqua nel calderone si scalda lentamente, la rana non sente nulla se non un piacevole calore e, in realtà, è tutto quello che c’è da sentire. Deve passare parecchio tempo prima che l’acqua cominci a essere pericolosamente calda, ma gradualmente, impercettibilmente, cominciano a comparire i segnali di pericolo, come lievi bolle alla base della pentola, ma la rana si adatta e non salta fuori. Siamo a 100 gradi, l’acqua bolle e la rana è piacevolmente morta.
Cosa dovremmo cercare, come segnali di pericolo? Suicidi di massa? Rivoluzioni? Terrorismo? Quelli verranno purtroppo molto dopo, quando l’acqua starà diventando rovente. Cinquemila anni fa essa stava diventando appena calda. Saprete dove cercare i segni del pericolo se sarete in grado di identificare qual era il fuoco che bruciava sotto il calderone. Stava già bruciando all’inizio, stava ancora bruciando cinquemila anni dopo… e sta ancora bruciando oggi, esattamente allo stesso modo.

571 Visite totali, nessuna visita odierna